fbpx

Social e Comunicazione all’epoca del Coronavirus

Facebook e il sostegno per le aziende colpite da Coronavirus
Marzo 19, 2020
Consigli pratici per la comunicazione al tempo del coronavirus
Aprile 2, 2020

Social e Comunicazione all’epoca del Coronavirus

In epoca dove nulla è più usuale e dove i nostri ritmi sono condizionati dal Coronavirus, l’uso dei social media cresce in Italia del 30%, in Spagna si arriva anche al 48%.
Le persone che rispettano #iorestoacasa si tengono informati e usano i social network per tenersi informati e comunicare anche con il prossimo.
Il consumo di news cresce del 125%.

Tra le caratteristiche distintive delle pandemie moderne c'è l'esistenza dei social media in grado di veicolare informazioni tra gli utenti in modo colloquiale.
Sorprendentemente, tuttavia, le visite ai siti di social network sono aumentate in modo graduale, registrando una leggera accelerazione nelle settimane del 09-15 marzo 2020 e del 16-22 marzo 2020.
Rispetto alla settimana 30 dicembre 2019 - 5 gennaio 2020 il numero di visite ai siti o alle App di social network nella settimana del 16-22 marzo 2020 è aumentato del +12% in Francia, +31% in Italia, +48% in Spagna e +12% nel Regno Unito. In Germania non si registrano sostanziali variazioni.

L’impatto del lockdown nei diversi paesi europei è un aspetto saliente quando si analizza il traffico verso i siti Web o App di messaggistica istantanea: dall’inizio dell’anno il dato è rimasto flat fino alla settimana del 17-23 febbraio compresa. In Italia, le cose sono cambiate durante la settimana del 24 febbraio - 01 marzo 2020, poco prima che fosse dichiarato il lockdown nazionale.
Negli altri paesi, il numero di visite ha registrato un forte incremento nella settimana dal 9 al 15 marzo 2020, quando i governi hanno annunciato le rispettive misure di contenimento. Complessivamente, rispetto alla settimana del 30 dicembre 2019 - 5 gennaio 2020, le visite ai siti Web o App di messaggistica istantanea nella settimana del 16-22 marzo 2020 sono aumentate del +70% in Francia, +30% in Germania, +90% in Italia, +97% in Spagna e +49% nel Regno Unito.

Vediamo proprio dai grafici e dai dati analitici come l'aumento delle persone online sia aumentato.
Se navighiamo sul web vediamo come i social aiutano a riscoprire il valore comunitario
Nel momento in cui la situazione di isolamento è diventata imperativo categorico senza data di scadenza certa, il web e i social network hanno vissuto una nuova epoca d’oro in quanto principali alleati contro la solitudine.
Numerosissime sono infatti le iniziative e le challenge nate sui diversi social per intrattenersi, divertirsi e farsi compagnia:
dalla #beardchallenge, che sfida gli uomini a non tagliare la barba per tutto il periodo trascorso in casa, alla #babymechallenge, basata sulla condivisione di ricordi d’infanzia, fino a le sfide musicali, sportive e artistiche, tutte rigorosamente tra le mura di casa.
I social diventano anche uno strumento per riscoprire la vicinanza e la comunità: ormai diffusi e attesi gli appuntamenti dei concerti in balcone e gli episodi di solidarietà rivolti ai professionisti del settore sanitario, impegnati senza sosta per la comunità.
Molte le raccolte fondi avviate e condivise capillarmente grazie ai social, le iniziative a supporto delle persone più sole o a rischio, ma non solo: ironia, condivisione e vicinanza.

Comments are closed.